Sabato, 15 Aprile 2017 00:00

Ostuni,Operazione Drugstore: titolare di un bar in manette.

I poliziotti del Commissariato di Ostuni, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di detenzione di droga ai fini di spaccio, un uomo del posto, già noto alle forze dell’ordine. L’arrestato, Antonio Quartulli, classe 1985, è stato associato presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari. Gli agenti, all’esito di una attività di controllo, finalizzata alle verifiche amministrative nei confronti di bar ed esercizi commerciali del posto, spesso punti di ritrovo di individui gravitanti nel mercato locale dello spaccio e del consumo di droga, hanno focalizzato l’attenzione nei confronti di un esercizio pubblico del posto ubicato nei pressi di viale Pola. Effettuati una serie di accertamenti , alla richiesta di una più approfondita ispezione dei locali interni, il titolare del bar ha assunto un atteggiamento non collaborativo, mostrandosi inoltre particolarmente agitato ed insofferente. Nel corso della perquisizione anche con l’ausilio di un unità cinofila di un Istituto di Vigilanza privato del luogo, gli agenti hanno scoperto, nascosti all’interno di una macchinetta cambia soldi, 12 involucri di cocaina, già pronta per lo spaccio, riposti in un ovetto giallo, per un peso di 7,4 gr. L’ulteriore attività svolta sempre all’interno del Bar ha permesso poi di rinvenire, al di sotto della cassa, 1 bilancino elettronico di precisione, un rotolo di nastro isolante di colore nero nonché un foglio manoscritto con la contabilità dello spaccio. Sono in corso ulteriori verifiche per l’adozione da parte degli Uffici comunali competenti, dei provvedimenti relativi alla licenza amministrativa del bar, nei confronti del quale inoltre, verrà avviato da parte del Questore di Brindisi, il procedimento per la sospensione della licenza, come previsto dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. Nella giornata di mercoledì, il Giudice per le Indagini preliminari, ha convalidato l’arresto applicando a Quartulli la misura dell’Obbligo di dimora, con una serie di ulteriori limitazioni alla libertà personale, tra cui quella di non dover uscire dalla sua abitazione dalle 22 alle 6 di ogni giorno.