Giovedì, 18 Maggio 2017 00:00

Francavilla Fontana: treno passa con il passaggio a livello aperto. Il sen. Iurlaro(ALA)presenta interrogazione su guasti e malfunzionamenti

Sono periodiche le segnalazioni che giungono al sottoscritto circa il mancato o errato funzionamento dei passaggi a livello che, specie nel Sud Italia e nella provincia di Brindisi, circondano diversi centri abitati. Nelle scorse ore, l’ennesimo guasto di un meccanismo ha provocato scene di panico a Francavilla Fontana, centro della provincia di Brindisi letteralmente circondato, ad ogni suo ingresso, dai passaggi a livello. È notizia di oggi, 18 maggio 2017: Pochi minuti prima delle 15, su via Zullino a Francavilla Fontana, un treno è transitato e, quindi, ha oltrepassato il passaggio con le sbarre aperte. La presenza di pedoni, tra cui anche bimbi, e di auto sui binari ha provocato scene di purtroppo ordinaria paura. Se quanto accaduto, senza incidenti e contatti anche grazie alla velocita' ridotta del convoglio e al tempismo degli automobilisti, si è limitato a provocare giustificato panico tra presenti - tra cui molte mamme che, a quell’ora, si recavano in quella zona per l’uscita dalle vicine scuole dei bambini -, giova precisare come siano frequenti anche gli incidenti dovuti a guasti , malfunzionamenti, distrazioni nei pressi dei suddetti passaggi. Incidenti che, alle volte, hanno provocato feriti e, purtroppo, anche morti. L’impossibilità e l’illogicità di far presidiare alle forze dell’ordine e alle forze di polizia locale i numerosi passaggi a livello rende necessario, a detta del sottoscritto, l’avvio di un serio ragionamento su come superare l’anacronsitica problematica. Dal chek in completo di tutti i meccanismi presenti sulle diverse tratte, sino alla sostituzione con apparati più moderni a carico delle compagnie ferroviarie per una spesa che, quindi, non ricada sulle spalle delle singole comunità, degli enti pubblici o dei cittadini. Anche, a fronte di un investimento sicuramente importante, ma finalizzato alla necessità di garantire sicurezza sui tratti interessati, uno studio che preveda la costruzione di ponti o sopraelevate per garantire il flusso veicolare o pedonale in prossimità dei passaggi. Alla luce di quanto avvenuto, oggi e in passato, nelle prossime ore provvederò a presentare al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti una interrogazione sul fenomeno, invero preoccupante, per cercare di capire se la problematica possa finalmente essere affrontata e risolta. Prima di ritrovarci, magari, a piangere lacrime di coccodrillo davanti al prossimo disastro.
sen. Pietro Iurlaro (ALA – Scelta Civica)

Ultimi da